SPETTACOLI Concerti         Pubblicata il

Masini promosso dalla piazza lucerina


Piazza Matteotti durante il concerto di Masini.
Auto che transita tra il pubblico
Auto che transita tra il pubblico


Tanti, tantissimi i fan per il concerto di Marco Masini il 16 agosto a Lucera. Una piazza piena, nonostante la concorrenza della Ricciarelli, che ha cantato  per tutte le oltre due ore di concerto.
In scaletta vecchi e nuovi successi, come nella migliore tradizione si parte dalle canzoni più recenti per andare indietro nel tempo fino agli esordi. L’inizio del concerto è quindi sulle note di Che giorno è, il brano presentato all’ultima kermesse sanremese. Si va avanti poi col nuovo singolo in rotazione radiofonica, Non è vero che l’amore cambia il mondo.  Poi, per ripercorrere i 25anni di carriera si apre la cronologia, e si cominciano a scorrere le pagine passate, dalle sanremesi L’Italia e L’uomo volante (canzone vincitrice del Festival 2004), a Ci vorrebbe il mare, passando per Ti Vorrei, Bella Stronza e Cenerentola Innamorata.
Un concerto,  che con il passare dei minuti, diventa il racconto della carriera e della vita di Masini. Il cantautore toscano passa con disinvoltura da un  assolo al pianoforte a un medley in acustica  seduto su cuscini adagiati sul palco.
Il concerto si chiude con “Disperato”, primo grande successo con cui Masini vinse nel 1990 l’edizione di Sanremo Giovani.
Un concerto che il pubblico di piazza Matteotti ha assaporato lentamente, come si fa con il buon vino, gustandosi due ore di musica d’autore, con una qualità sonora impeccabile.
Per quanto riguarda l'organizzazione, ottima l'idea di destinare il viale principale della villa alle consuete bancarelle, lasciando libera l'intera piazza Matteotti. Unica nota stonata della serata, le solite auto che transitavano tranquillamente tra il pubblico come ogni anno.
 
a.z.
 

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic