CULTURA Poesie         Pubblicata il

Nota e poesia sulla Madonna di Lourdes da Pasquale Zolla




La Madonna di Lourdes

La Vergine  apparve a Bernardette Subirous  per ben diciotto volte in una grotta, lungo il fiume Gave. Le parlò nel dialetto locale  e  le indicò il punto in cui scavare con le mani per trovare quella che si rivelerà una sorgente d’acqua, al contatto con la quale sarebbero scaturiti molti miracoli.

Tutto ebbe inizio giovedì, 11 febbraio 1858, quando Bernadette si recò a raccogliere legna secca nel greto del fiume Gave, insieme ad una sorella e ad una loro amica.

Un rumore che proveniva dal cespuglio, che si trovava nella grotta, attirò la ragazzina alla quale apparve la Vergine presentandosi come Immacolata concezione e confermando quindi  il dogma del concepimento immacolato di Maria promulgato da papa Pio IX l’8 dicembre 1854, quattro anni prima.
Per questo l’11 febbraio la Chiesa celebra la memoria della Madonna di Lourdes alla quale San Giovanni Paolo II volle associare la Giornata Mondiale del Malato.

Le apparizioni di Lourdes vennero ufficialmente riconosciute dal vescovo di Tarbes il 18 febbraio del 1862.

Ben presto fu eretta una grande chiesa così come la Vergine aveva richiesto.

Lourdes divenne subito il più celebre dei luoghi mariani. Un ufficio speciale (le Bureau médical) fu incaricato di vagliare scientificamente le guarigioni che iniziarono a verificarsi immediatamente.

Di miracoli finora ne sono stati riconosciuti una settantina, ma di fatto sono molti di più. Ancora più numerose sono le conversioni.



Ò kannede vesjòne de Paravise
Ò Vèrgene ‘Mmakulate, Mamme
de meserekòrdje, benèssere
d’i ciakkate, tane d’i pekkature,
kunzulatrice d’i prustrate, Tu
akkanusce  i besugne mìje,
i cigghje mìje; dignete de vutà
sópe a mè nu uarde benivule
a mìje sullive è kumbòrte.
Ò kannede vesjòne de Paravise,
allundane d’è cerèbre mìje
i skurde d’u ‘rròre ke ‘a lustre
d’a féde, agaveze l’alma mìje
tèrratèrre ke ‘a celestjale
addòre d’a karetà. Faje
ka ìje vògghje béne è sèrve
u Figghje tuje pe me meretà
‘a prjèzze pessèmbe. ‘Saudisce,
ò cenéte Mamme, ‘a mìje umele
grazjòne è, chjìne d’i benefize
tuje, me farragghje a mille
pe ‘mmetà tutte i vertù tuje,
pe nu jurne partecepà a’ gròrje  
tuje mbrazze a tè Mbaravise!

O candida visione di Paradiso
O Vergine Immacolata, Madre
di misericordia, salute
degli infermi, rifugio dei peccatori,
consolatrice degli afflitti, Tu
conosci i miei bisogni,
le mie sofferenze; degnati di volgere
su di me uno sguardo benevolo
a mio sollievo e conforto.
O candida visione di Paradiso,
allontana dalla mia mente
le tenebre dell’orrore con la luce
della fede, solleva l’anima mia
affranta con il celeste
profumo della carità. Fai
che ami e serva
il Figlio tuo per meritarmi
la felicità eterna. Esaudisci,
o tenera Madre, la mia umile
preghiera e, colmato dei benefici
tuoi, mi sforzerò
di imitare tutte le tue virtù,
per partecipare un giorno alla gloria
tua tra le tue braccia in Paradiso!

Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic